giovedì 13 aprile 2017

Scusa n. 99 - Un tempo si chiamava gita scolastica...

Avere figli in età scolare comporta, soprattutto per le donne, una serie di nefande implicazioni: svegliarsi di buon'ora al mattino, accompagnare i pargoli a scuola, seguirli nei compiti, recarsi ai colloqui con gli insegnanti e, soprattutto, tradurre, in un linguaggio che risulti comprensibile, la marea di nuove sigle e locuzioni che affollano il mondo della scuola e che hanno un effetto assolutamente destabilizzante su chi chiamava l'attività motoria educazione fisica, la verifica compito in classe, il MIUR  Ministero della Pubblica Istruzione, il collaboratore scolastico bidello, il debito formativo rimando a settembre, la scuola secondaria di primo grado medie e, udite udite, i viaggi di istruzione gite scolastiche. Ecco, proprio quelle... comunque vogliate chiamarle, sappiate che esse saranno la vostra ancora di salvezza per almeno una giornata o, nella migliore delle ipotesi, per quattro / cinque giorni. Perché? Ovvio, il vostro uccellino spicca il primo volo lontano da casa e voi proprio non ce la fate a lasciarlo andare via così. Avete un bisogno direi quasi ancestrale di essere costantemente rassicurate circa il suo stato di salute e la sua incolumità fisica. Motivo per cui chiedete al Preside, pardon, Dirigente scolastico, di potervi unire all'allegra combriccola di gitanti, fosse pure in veste di facchino, inserviente o assistente tuttofare. E se l'autorizzazione dall'alto non arrivasse, non disperate: avete sempre la possibilità di tallonare il pullman gran turismo con la vostra utilitaria... A meno che il POF non preveda che, in vista degli INVALSI e fatti salvi i dati sensibili, la componente ATA in gita possa essere sostituita dalla componente genitori (cioè, da voi): in quel caso, sareste a cavallo, e chissenefrega di permessi ed autorizzazioni!  





4 commenti:

  1. Ma che vor dì? che mo una comme a te se mette paura de sta fregnaccia? Vanno a fa la gita? E mannicelo, ce so puro le ciumachelle che je 'nsegneno che quer coso che je pènne sur davanti nun serve solo pe piscià. Vedrai come t'aritorna a casa e come te guarda quanno che vai a letto cor tu marito, stanca morta che nun vedi l'ora che corcatte e fatte na dormita, e lui te guarda co la bocca storta e te fe puro l'occhietto e te manna a dì vai vai bella majalona che lo so quello che fate mo.
    Lassa perde ma è na soddisfazzione, voi mette. Lui che resta mezzora co le recchie addrizzate pe sentì er letto che cigola.
    Ma poi lo so che tu je vai dietro co la machina tua, perché nun te cianno voluto nel busse che loro cianno er metodo educativo e tu nun poi parlà, nun poi fa gnente te devi da sta zitta, ma a te chi te s'azzitta? E allora trotta dietro ar busse co la machina tua e quanno scenneno, magara solo pe magnasse un maritozzo co la panna o pe fasse na pisciata, tu cori disperata a guardatte er pupone tuo che j'è successo. E a la fine t'aritrovi a tornà a casa e portaje puro er zainetto indove lui cià messo tutte le zozzerie, pedalini puzzolenti, mutanne smerdate che nemmeno se sanno pulì er culo sti zozzoni.
    Beh puro io quanno ero un fiarello a ste gite scolastiche der caciocavallo partivo co quattro parde mutanne (me ce le metteva mamma, se capisce) e tornavo co due e poi facevo finta de essemele perse e invece l'avevo buttate, tanto mica le pagavo io.
    Capita a tutte le mamme ossessive. So quelle che rompeno, che te vengheno a sentere si sudi, te metteno la mano su la fronte pe vede si ciai la frebbe e te la fanno venì.
    Mettite l'anima in pace più je fai e più te manna afc. Ciao Sirvà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sor Vince', ce vulesse 'na mamma cumm' a te!!! (Do you need the translation?)

      Elimina
  2. Ciao Sirvà, solo pe fatte l'auguri. Sì lo so che oggi è pasquetta, ma ieri nun c'ero e io er coso, er portatile, lo lasso a casa. Mbè, allora l'auguri te li fo l'isteso. Salute, poche rughe, tanta voja de vive, anni che passeno senza dà troppo fastidio, fiarelli che crescheno e mariti che nun rompeno. Questo è er mejo che tengo in reppertorio e te lo passo tutto. Sei na bella persona. Ciao Sirvà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazzie, Sor Vince'! Buona Pasquetta pure a te che sei bello come me!

      Elimina