martedì 17 gennaio 2017

Scusa n. 92 - Il lavoro nobilita la donna!

Se è vero che il lavoro nobilita l'uomo, noi donne non dobbiamo lasciarci sfuggire questa ghiotta occasione: appellandoci alla par condicio, ci metteremo prontamente alla ricerca di un'occupazione, se non ce l'abbiamo già, o ne cercheremo una nuova, aspirando a qualcosa di più.
Ovviamente, la molla che ci deve spingere non va identificata con menate del tipo parità dei sessi, dignità della donna, autonomia finanziaria, che, per quanto assolutamente degne di rispetto, in questo momento, sono del tutto irrilevanti e marginali. Il nostro scopo deve essere quello di crearci l'ennesima nicchia inaccessibile, l'ennesima roccaforte inespugnabile a danno del povero trottolino. Orsù, dunque! All'opera!
Se non sapete come procedere, vi do immediatamente delle dritte che vi faranno approdare come per magia nel mondo del lavoro. Innanzitutto, orientatevi su un'occupazione con orari possibilmente non coincidenti con quelli di Trottolino, quindi cominciate la ricerca. Inutile dire che potete sfruttare i canali mediatici pullulanti di offerte di lavoro più o meno valide, ma, qualora non aveste dimestichezza con internet, potreste ricorrere ai classici annunci stampati, reperibili dal giornalaio sotto casa. E se anche così non riusciste a trovare nulla?
Be', non disperate: esiste un mestiere che non conosce crisi, e se lo faceva Julia Roberts in una famosissima pellicola, non vedo perché non lo potreste fare anche voi... Dopotutto cosa avete in meno di lei?




10 commenti:

  1. in meno di lei.. sicuramente qualche metro di coscia :)
    E direi che non è poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha! Hai ragione, cara Barbara! Consoliamoci con il solito andante: "La bellezza non è tutto..."

      Elimina
  2. Mamma mia che me fai legge! UUUUUUUUUUUUUhhhhhhhh!!!!!!!
    Tanto pe comincià er lavoro nobbilita l'omo e lo rende simile a na bestia. E tu che bestia voressi esse? Na sumara? Na papera? na vacca? na cana che core tutto er giorno a caccia de magná? Famme capì. Poi gira che te gira, vorta che te vorta o co internette o co li giornali o cor passa parola 'nzomma tu volessi fa er lavoro più vecchio der monno? propio tu che parli de le donne come se deve? Ma sei sicura che ariveresti a la fine der mese? Perché si te credi che te ariveno solo quelli belli e profumati e cor muscolo allenato guarda che la maggior parte so vecchi, panzoni e je puzzeno li piedi e puro er fiato e poi nemmeno ce la fanno a tirallo su e a faccelo restà.
    Da retta a me che te vojo bene, lassa perde che sto mestieraccio nun fa pe te: è troppa fatica e poche le soddisfazzioni.
    A magara la fioraia, o puro quella che porta a spasso er cane de le vecchiette pe fallo piscià e cacà. Vede 'npo' tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaro ed incisivo... Effettivamente si può sopportare tutto, ma la fiatella proprio no (vedi, a tale proposito, scusa n. 45)!!! Hahaha! Ciao, mito!
      P.S. Ma il tuo blog???

      Elimina
    2. Vivo e vegeto e te sto a spettà da na vita. Ma ha cambiato link -se dice così?-:
      iacoponivincenzo.blogspot.de
      se arisentimo allora.

      Elimina
  3. Hi, I really liked this post, and your blog, I did not know you, very nice photos.

    Would you like us to follow each other? I wait for you on my blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Done! Congratulations for your blog, too. Nice outfits! 😃

      Elimina
  4. oppure si può diventare una blogger di successo!!!
    Un sorriso

    RispondiElimina