venerdì 23 dicembre 2016

Scusa n. 91 - 'Famolo' strano!

E dai, non pensate subito a male! Perché anche stavolta vi propongo un modo per sfuggire alle grinfie del trottolino uscendovene pulite ed immacolate come un bebè appena cambiato. Vediamo subito di cosa si tratta, entrando nei dettagli.
Siete amanti della forma fisica, ma allo stesso tempo siete alla ricerca di un equilibrio interiore che vi permetta di affrontare con il dovuto distacco il tourbillon della vita di tutti i giorni. Ecco, allora, che scorgete una locandina che fa al caso vostro: "Corso di Yoga, per risvegliare l'energia vitale che è in VOI".
Vi fiondate letteralmente sul posto per assistere ad una lezione dimostrativa. Da buona sensitiva, vi basta un'occhiata  e sottoscrivete senza indugio l'abbonamento decennale: da oggi si cambia registro, parola di kundalini girl! E giù con sedute ed allenamenti sempre più impegnativi, perché è possibile dare il proprio contributo al mondo solo se si porta alla luce il meglio di sé. Peccato che il maestro di Yoga non vi abbia insegnato ad individuare in maniera precisa i vostri limiti, fisici oltre che mentali, spingendovi ad adottare posizioni quanto meno opinabili... Risultato? Un intreccio inestricabile di gambe, braccia, muscoli e tendini che alla fine vi ha costretto a letto per buoni dieci giorni. Strafare va bene, ma solo a patto che il gioco valga la candela! E mai come questa volta non vi siete sacrificate invano...


8 commenti:

  1. Cerca sempre er rovescio de la medaja, Sirvà, nun te fermà all'apparenza. L'apparenza te frega e tu arinunci. Allora me spiego. Er trottolino è 'n'omo mica 'n cavallo, più dell'evidenza nun vede e manco capisce e tu sei femmina, troppo furba pe fatte fregà. Ar maestro tuo je devi da chiede solo de fatte vede come ce se 'nfrocia co li bracci e co le cosce in maniera che tu ciarimani puro in equilibbrio senza cascà de musata. Devi da arimanè come la pupazza de la fotografia tua che ciai messo ar poste de oggi. Capito? Poi te metti le mejo mutanne che ciai, quelle cor pizzo, belle e t'incastri tutta sopra er letto o puro sur sofà, fa l'isteso un quarto d'ora primma che er trottolino tuo aritorna a casa, che a magara cià li languori che lo stommico je gnaula come si fusse un gatto nnammorato. Lui nun te trova in cucina, nun te trova drento ar bagno, nzomma nun te trova e allora te cerca puro in cammera.
    Quanno te trova...ma che stai a penzà?...No, te l'insogni, lui a quella cosa là manco ce penza...prova a scioje sto nodo...smoccola, sbava, ma tu resisti e allora lui...se fa da magnà da solo. S'ingozza quele du zozzerie che s'è ariuscito a cucina e poi scappa a lavorà per doppopranzo, ma prima de sortì te fa...ciao Sirvà...me dispiace ma vado de prescia...si quanno torno stasera stai ancora accussì te prometto che te libbero...sinnò chiamamo li pompieri.
    Così quanno finarmente se n'è ito tu te poi puro ariposà.
    Ciao bella e tanti tanti auguri de Natale. Sei proprio simpatica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha! Mitico ed insuperabile. Buon Natale a te, Sor Vince'!

      Elimina
  2. Buon Natale, carissima Silvana!!!!!

    RispondiElimina
  3. ahha meglio fare l'abbonamento settimanale allora :((( buone feste!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio, allora, quello annuale, a partire dal 2017! Felice anno nuovo!!! ;)

      Elimina