lunedì 5 settembre 2016

Scusa n. 83 - Il congiuntivo, questo sconosciuto...

Va bene che viviamo nell'era dell'informatica, che ormai comunichiamo tramite sms o WhatsApp e che la nostra identità viene accertata in virtù dell'esistenza di un profilo Facebook, ma a tutto c'è un limite...
Il sistematico oltraggio alla amata lingua dei nostri padri si traduce sempre più spesso in frasi incomprensibili, in cui imperversa l'abuso della odiosissima kappa e l'assoluta carenza di punteggiatura. Ma la goccia che fa davvero traboccare il vaso è il se seguito dal condizionale: quello è il punto di non ritorno, la soglia varcata la quale ogni speranza è persa. Ragion per cui, quando sentite il vostro lui incespicare in malo modo nell'uso del congiuntivo, intravedete prontamente solo due possibili soluzioni:
a) cancellare definitivamente il miserabile dalla faccia della Terra con un colpo di bazooka
b) spedirlo seduta stante ad un corso intensivo di grammatica e sintassi
Le pesanti implicazioni penali vi fanno ovviamente desistere dalla prima seppur allettante alternativa, rendendo, tuttavia, quanto mai urgente il ricorso alla seconda.
Detto fatto, prenotate per il trottolino il migliore dei corsi full immersion disponibili sul mercato e lo inviate altrettanto celermente sul posto: il tutto per la durata di una settimana piena piena...
Fosse che, sotto lo sguardo severo del busto di un Dante o di un Manzoni, l'analfabeta vi diventa una penna d'oro, un caso editoriale senza precedenti??? E le artefici di tutto ciò sarete state voi, voi che con il vostro fiuto avete scoperto un talento e ne avete fatto partecipe il mondo intero. Che dire, dunque? Chapeau!



22 commenti:

  1. Ciao Silvana, sono d'accordo con il tuo pensiero, anche se concentrare l'attenzione su "lui" può far pensare che il problema sia maschile.
    Il "limite grammaticale" è molto diffuso ed è accompagnato alla quasi totale assenza di contenuti e all'infinita sequenza di parolacce temo che non basti un corso di grammatica e sintassi, dovremmo modificare il pensiero.
    Naturalmente apprezzo lo spirito del tuo post che grida all'orrore grammaticale ma lo fa con sottile umorismo, un modo lieve ma puntuale di denunciare una delle tante lacune del nostro vivere quotidiano.
    Grazie, spunto molto interessante.
    Buona giornata, a presto.
    Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai ragione, caro Romualdo! L'ignoranza e il pressapokismo, ahimè, regnano sovrani. Se potrei tornare in dietro... Ahahah! Buona giornata anche a te.

      Elimina
  2. E si sembra davvero estinto oramai..bello il tuo post
    un bacio <3

    RispondiElimina
  3. Col bazooka no, però ad eliminarlo completamente dalla vita, ci sta! Non sono la tipica sofisticata, però mi piace poter parlare con una persona senza dover stare a correggergli i tempi verbali!
    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, Luisa cara! Il bazooka forse è un po' esagerato ed io non sono così intransigente: a voi, dunque, la scelta dell'arma più adatta.... Ahahah!

      Elimina
  4. Cara BABALUCCIA, uniamoci, allora, per resuscitarlo, 'sto congiuntivo! Un bacio anche a te!

    RispondiElimina
  5. Ciao Silvana,oggi l'Italiano è oramai una lingua morta,scrive bene Gianrico Carofiglio (da me amato scrittore):
    Non c'è problema,un attimino,piuttosto che,quando leggi o senti queste frasi sei in presenza di un assassino della lingua Italiana.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
  6. Oh sì, mia cara Silvana, urge resuscitare il congiuntivo e tutto il resto!
    Bellissima la foto!!!
    Un bacione e buon settembre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro di un'Annamaria!!! Bentrovata e un bacio anche a te!

      Elimina
  7. Quanto sentivo la mancanza di queste pillole di pura e vera allegria...
    Il pensiero che dopo una full immersion di grammatica si diventi un nuovo Dante mi lascia perplessa, ma almeno non siamo inglesi anche nei congiuntivi perbacco...evviva l'italiano!
    Bacissimo adorabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. W l'italiano, ma, soprattutto, W Nellina!!!

      Elimina
  8. Sono passata per un saluto e per dirti che ho messo in lista desideri su amazon la saga di cui mi parlavi sul mio blog. buon mercoledì!
    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggila e non te ne pentirai! Bacio.

      Elimina
  9. Verba volant, scripta manent. E c'è una bella differenza fra gli errori commessi oralmente, sui quali si può elegantemente glissare facendo finta di niente e quelli che restano a imperitura memoria, scritti nero su bianco sui social network. Povero, vilipeso congiuntivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, dolcissima Krilù, l'unica per cui si possa fare un'eccezione per la odiosissima 'kappa'! ;)

      Elimina
  10. A Roma c'è anche di peggio, il se seguito dal condizionale: se io "serei" il presidente della repubblica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è mai fine al peggio, Andrea! Cari saluti.

      Elimina
  11. Passo per un rapido saluto. Confesso di non essere ancora in grado di concentrarmi sui testi, quindi di capire cosa sto leggendo e lasciare un commento. Mi dispiace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro! Che piacere e quale onore averti di nuovo qui, nel mio blog. Tuttavia, le tue parole mi mettono un po' di apprensione. Cerca di ritornare presto in forma smagliante: TI apettiamo! Bacio forte, ma forte eh!

      Elimina
  12. Non regge

    Ci sono emeriti ignoranti per i quali le donne sbavano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che Catone il Censore anche stavolta non avrebbe dato il suo assenso... Chissà, forse l'84 sarà il mio numero fortunato!

      Elimina