venerdì 15 aprile 2016

Scusa n. 77 - Etciù! 'Che imbroglio era, maledetta primavera...'

Primavera d'intorno brilla nell'aria, e per li campi esulta, sì ch'a mirarla intenerisce il core, scriveva il buon Leopardi ne Il passero solitario. Eppure la sua sensibilità tralasciava qualcosa, un effetto fastidiosissimo a cui molti, al sopraggiungere dei primi caldi, non possono sottrarsi: le allergie!
Chi ne è vittima sa bene quanto sgradevole sia questo inconveniente, al punto da odiare la stagione più amata, il più bel fiore dell'anno, giusto per rifarci ancora al caro Giacomo.
Occhi gonfi e lacrimanti, naso chiuso, orticaria, irritazione delle mucose sono solo parte delle conseguenze devastanti della maledetta primavera...
E allora daje con antistaminici e farmaci di vario tipo che, tuttavia, non riescono a risolvere radicalmente il problema e soprattutto il vostro stato di prostrazione e sfinimento fisico. Le provate tutte, siete disposte a qualunque cosa, poi l'idea geniale: una maschera antigas stile Grande Guerra, che vi proteggerà da qualsiasi contaminazione esterna, marito incluso. E se foste allergiche proprio a lui???