lunedì 8 febbraio 2016

Scusa n. 72 - Voglio una vita a prova di 'organizer'!

Oggi non si porta più essere una donna stressata, disorganizzata e costantemente in affanno.  Oggi si porta essere una donna multitasking, sicura di sé e in grado di tenere sotto controllo la situazione e, in particolar modo, i propri nervi. Alla donna viene chiesto di essere una massaia impeccabile, una lavoratrice modello, una mamma premurosa, una moglie amorevole. E lei risponde alla chiamata sempre pronta e sull'attenti, senza mai vacillare o perdere colpi. Come faccia è praticamente un mistero, il frutto di un'alchimia ancora ignota all'uomo che, diciamola tutta, un po' rosica per essere sistematicamente battuto da un'avversaria ben più agguerrita e programmata.
Tuttavia, il trucco c'è e i risultati si vedono, eccome! La scorta inesauribile di energia a disposizione del gentil sesso ha provenienza lontana, lontanissima. Ha richiesto un lungo periodo preparatorio di ricerca e di studio, ma alla fine ha portato al raggiungimento di quell'equilibrio e di quella forza interiori che rendono la donna una  macchina da guerra invincibile ed invulnerabile. Di cosa si tratta? Ovvio, dell'ultimo ritrovato in fatto di corsi di miglioramento e crescita personale, di coaching motivazionale, di problem solving e di leadership. Tutto chiaro, no?
Di certo, la nostra femminuccia sprovveduta, grazie  a 'sto po' po' di formazione, ha guadagnato 10.000 punti ed ora, come per magia, ha piuttosto le sembianze di una moderna Wonder Woman.
Al povero sfigato che le arranca dietro non rimane altra carta da giocare che quella della compassione: chissà, forse facendo leva sull'istinto materno e protettivo di lei, sarà possibile aprire una breccia nel suo organizer... Hai visto mai che il poverello riesce a rimediare uno spazio di una manciata di minuti tutto per sé??? Senza esagerare, però, ché in lista di attesa ci sono un'altra decina di cose da fare e su cui mettere un bel segno di spunta!



19 commenti:

  1. Ahahahah come sempre una bella risata liberatoria...
    Ma questi omuncoli, necessari si , diciamolo per farti venire la colite e il mal di fegato...ma poi se non sono supportati da una donna spariscono come neve al sole..
    Gli insulti alla sottoscritta si fanno in questo blog..ahahahha
    Bacionissimo tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, Nellina! Autorizzo a fare del mio blog il ring dove fronteggiare gli insulti degli uomini! Un bacio a te, mia cara!

      Elimina
  2. ...si ride piuttosto che piangere, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di sì, cara Patalice! Del resto il riso fa buon sangue: mica vorremo perdere 'sta occasione???

      Elimina
  3. Na manciata de minuti tutti pe sto poraccio? Famo conto na diecina? Troppa grazzia, ce ne stonno armeno nove de troppo, morammazzato! E mo che dichi? È risaputo ar volgo che l'omo nun sa parlà e nun sa sta zitto (invece voi solo bone de parlà, ma de stavve zitte mai), che nun sa fa gnente si nun ve chiede primma a voi (che questo armeno ce lo semo imparati a forza de sentì li strilli vostri gni vorta che piamo n'inizziativa) e allot´ra voi che fate? Ve lamentate puro. Ma sto poro cristiano che quanno torna a casa già suda ar penziero de trovavve già incazzate nere propio per fatto che ritorna lui, er CAPOCCIA DE LA FAMIJIA ma fateme er piacere, l'omo nun è er capoccia è na saccoccia, na sarciccia, uno che te fa sfogà si parla o si sta zitto tanto ce lo sapemo che nun ciazzeccamo mai.
    Però lassemelo dì Sirvana bella, ciavete na faccia come er culo, perché quello che varitrovate drento a li sogni lascivi che fate quanno che l'omo vostro ronfa, nun è un marziano, nun cià un occhio solo e tre palle, è n'omo comme ammé, come quelo straccio che tenete drento al letto, che trattate come un vassallo. Vabbé va, inutile piassela tanto a core tanto nun cambia gnente, voi sete er sesso forte e chi dice er contrario è propio no stronzo.
    Te saluto, Silvà, statte bona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Analisi caustica e precisa, come sempre, ma quello che preferisco è, come dire, il folklore dei tuoi post. Ciao, Vincenzino bello! Se sentimo.

      Elimina
  4. Cara Silvana complimenti vivissimi per la disamina maschile proprio azzeccata!
    Un'ottima capacità osservativa ed intuitiva che solo una donna può avere ,sicuramente una come te.
    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ho un po' esagerato... Un bacio, Cettina bella!

      Elimina
  5. ma io non sono d'accordo sulla disamina sugli uomini ! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, che in fondo in fondo vi piace correrci dietro... Un caro abbraccio, 'Wonder Man' della corsa!

      Elimina
  6. Cara simpatica Silvana, ma tu sei sicura che una sera quando esci per andare al cinema o anche no, quando rientri dal lavoro, sei sicura, dicevo, di non trovare una masnada di maschietti di varia età che ti aspetta fuori dal portone e chissà perché forniti di manganelli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Solo tu, Ambrina, sai dire le peggio cose con quel candore e quella dolcezza che le fanno sembrare come le più desiderabili! Bacio, tesoro!

      Elimina
  7. mi rispecchio perfettamente ;)
    Ottimo anche il tuo blog
    Nuova follower
    beci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta, cara Emanuela! E' sempre un piacere rimpinguare le fila delle 'cacciatrici' di scuse...

      Elimina
  8. Ho letto volentieri questi post molto divertenti, ricchi di verità e realtà. "Castigat ridendo mores"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentrovato, Costantino! Grazie delle belle parole, però non farmi passare per una 'castigatrice'! ;) Ti abbraccio.

      Elimina
  9. Cara Silvana,concordo,la femmina è molto più attiva del maschio e vive la sua giornata super attiva divisa tra tanti personaggi.
    La mia domanda è:Voluto o dovuto questo attivismo e se il maschi non collabora,la colpa di chi è?
    Un abbraccio da un maschi molto "casalingo".fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che posso rispondere, caro Fulvio? Beata tua moglie!

      Elimina
  10. Ciao,sarà perché non sono sposato,anche se sono papà e nonno.
    Un abbraccio,fulvio

    RispondiElimina