giovedì 19 novembre 2015

Scusa n. 57 - Volontariato, io ci sono!

Nel passato, ogni famiglia che si rispettasse annoverava un notaio, un prete e un generale; oggi le cose sono un po' cambiate, e le figure che non possono mancare sono il blogger, il calciatore e il volontario.
E sì, avete capito bene: il volontario, perché in tutti noi si cela un animo buono che deve trovare la sua forma espressiva! Lasciamo stare se poi siamo pronti a venire alle mani con il vicino arrogante, ad aggredire gli insegnanti perché hanno osato richiamare più duramente del solito i nostri figli non proprio corretti, a condannare la presenza nelle classi di un diversamente abile perché poi rallenta il normale svolgimento del programma ministeriale, a ghettizzare i singoli in base alle nostre convinzioni etniche, politiche o religiose, dimenticando troppo spesso che non si può e non si deve fare di tutta l'erba un fascio.
Ciò non toglie che, buttando l'occhio sui vari social networks, siamo inteneriti e commossi da un numero inenarrabile di foto in cui i cani vengono abbandonati sull'autostrada il 15 di agosto, i bambini (per lo più, ironia della sorte, neri o musulmani!) patiscono fame e guerre, i parenti dei diversamente abili inviano messaggi di sensibilizzazione o chiedono una preghiera per i loro cari meno fortunati di noi. Ed ecco che, allora, il nostro buonismo insorge e si erge a paladino dei deboli dell'intera umanità. Qualcosa va fatta, e aderire ad un'associazione di volontariato diventa un vero e proprio must. Io vi consiglio quella che soccorre ed assiste i barboni notte tempo: in questo modo, potrete sgattaiolare fuori di casa con una validissima scusa. Del resto, cosa c'è di più importante che salvare il mondo?


10 commenti:

  1. Ahahah hai perfettamente ragione.
    E che ne dici di chi, si iscrive ad un'associazione e poi spande la notizia ai quattro, venti solo per sentirsi dire quanto sei bravo e quando sei generoso?

    Passo a trovarti e scopro ironia e intelligenza. Chiaro che mi fermerò.
    Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Ben detto, Mariella cara! Ricambio e ti aspetto con gioia!

    RispondiElimina
  3. Ma come ho scritto?Maledetto smartphone...

    RispondiElimina
  4. Ti ho catalogato nei divertenti, perchè un argomento così serio è stato fatto come sempre con tanto senso dell'umorismo che ti fa capire meglio ancora certi contrasti che la società e noi stessi ci portiamo dietro.
    Tutto vero.
    A me mancano sol i barboni, ora farò domanda..non mi dispiace perdere le notti, soffro d'insonnia e neanche le pellicole o i libri riescono nell'intento...
    Ottimo consiglio tesoro mio, un bacio notturno_!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Nellina! Sono stata indaffarata tutto il fine settimana, ma ora vado subito a buttare l'occhio nel tuo blog!

      Elimina
    2. Bacio sotto il diluvio dolcezza!

      Elimina
  5. Confermo. La tua ironia leggera ed intelligente rende il tuo blog tra i più gradevoli del web.

    RispondiElimina
  6. Grazie, carissima Ambra! Spero di continuare a meritare tutti questi elogi! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Grande Silvana!!! Concordo in pieno con Ambra: la tua è un'ironia leggera e intelligente che mette l'accento su atteggiamenti verissimi!!!
    Sei fortissima!!!
    Grazie

    RispondiElimina
  8. Annamaria bella, bacio grande, anzi enorme! Alla prossima!

    RispondiElimina