venerdì 30 ottobre 2015

Scusa n. 53 - Ho raccolto circa 10 kg di castagne...

Mese di ottobre, tempo di castagne per antonomasia.
La castagna è uno di quei frutti che, come le ciliegie o le fragole, mette d'accordo un po' tutti, dai grandi ai piccini. E poi vanta proprietà nutrizionali davvero invidiabili, essendo ricco, oltre che di amido, anche di sali minerali e di zuccheri. E', pertanto, un alimento altamente energetico, che può integrare ottimamente l'alimentazione di chi è intollerante ai cereali o al latte.
Chi di voi ha la fortuna di abitare in zone ricche di castagneti non perda l'occasione di andare alla ricerca di questo prelibatissimo frutto.
Naturalmente, la raccolta delle castagne è alquanto impegnativa e richiede un equipaggiamento adatto, volto soprattutto a proteggere le mani dagli insidiosi ricci. Ma, alla fine, sarà valsa la pena, per una serie di motivi che ora andrò ad illustrarvi.
La prima raccomandazione è quella di raccogliere castagne a iosa, almeno una decina di chili. Questo vi permetterà non solo di proporre ai vostri cari un'ampia gamma di varianti (dalle classiche caldarroste e castagne bollite ai marron glacé o, addirittura, ai primi e ai secondi a base di castagne), ma anche, e soprattutto, di accampare due valide scusanti che vi porranno in zona franca per tutto il periodo della meticolosa lavorazione: mi riferisco alla inevitabile spossatezza da castagna, patologia individuabile nei prontuari medici maggiormente all'avanguardia, e all'indisposizione intestinale che l'eccessivo consumo della castagna stessa vi avrà procurato.
Al poverino non resterà che affogare i dispiaceri nel vostro impeccabile Mont Blanc, sicuramente più facile da scalare delle vostre inaccessibili vette!


6 commenti:

  1. Come sempre, il tuo stile è simpaticissimo, grintoso e divertente!
    Un abbraccio, cara Silvana, e grazie!!!

    RispondiElimina
  2. Condivido l'opinione di Annamaria. Mi diverte moltissimo il tuo sottile umorismo. Mi fa piacere conoscerti, almeno virtualmente, e Annamaria è "garanzia" di un'ottima conoscenza.

    RispondiElimina
  3. Grazie, cara Annamaria! Mi fa sempre piacere ritrovarti nel mio blog. Un abbraccio e a presto.

    RispondiElimina
  4. Benvenuta, carissima Ambra! So che Annamaria è un'autorevole garanzia, ma ti ringrazio comunque per la fiducia. Un abbraccio e alla prossima!

    RispondiElimina
  5. Sempre "originali" le tue scuse. Ciao

    RispondiElimina
  6. Ciao, Marta cara! Accetto suggerimenti, eh! A presto.

    RispondiElimina