lunedì 21 settembre 2015

Scusa n. 43 - Una conserva e un sott'olio al giorno levano il marito di torno!

Casalinghe, a me! Settembre è notoriamente tempo di conserve e sott'olio: la varietà di frutta ed ortaggi di fine stagione consacrati all'abile manipolazione di solerti massaie è quanto mai nutrita. C'è solo l'imbarazzo della scelta e, ovviamente, sta a noi approfittare del momento propizio e cavalcare l'onda finché madre natura ce lo consente.
Il pretesto sarà quello di fare buona scorta di conserve genuine ed appetitose in vista di un inverno lungo e freddo.
Pertanto, ci attrezzeremo di santa pazienza e di tutto quanto possa occorrere per avere la meglio su melanzane e zucchine, senza, tuttavia, disdegnare il kit completo per scodellare marmellate di fichi e di prugne a profusione.
Insomma, dobbiamo immaginarci alla stregua di una dea Kalì versione domestica, dotate di quattro braccia che freneticamente girano intingoli, affettano ortaggi, rabboccano barattoli, appiccicano etichette, il tutto in un tourbillon crescente di euforia e frenesia allo stato puro, che faranno di noi delle vere e proprie macchine da guerra.
E allora, cari miei, anche stavolta vi conviene battere in ritirata, a meno che non vogliate essere travolti dall'incontenibile avanzata delle temibili Panzer in grembiule a fiori!



Nessun commento:

Posta un commento