mercoledì 18 febbraio 2015

Scusa n. 36 - Aiuto! Dio mi salvi dal facocero!

Avete un uomo con la panza, uno di quelli stile 'camionista incallito e senza rimorsi'? Bene, in tal caso viaggiate sicuramente con una marcia in più a bordo di questa nuova scusa.
Andiamo subito a scoprire di cosa si tratta.
Tutti abbiamo bisogno di rigenerarci da una giornata piena di impegni, e la cura migliore è, senza dubbio, una bella e prolungata dormita. Esiste, tuttavia, un però... e se il nostro lui russasse come un treno imbufalito al punto tale da infrangere sistematicamente il nostro anelito ad un sonno corroborante?
Beh, la soluzione è semplice: urge un trasferimento protempore nella camera dei bimbi, in attesa che l'irriducibile facocero si decida una volta per tutte a perdere quei 15-20 chili soverchi. E anche se il cammino sarà lungo, pazienza! Per quanto vi riguarda, siete disposte a dare al vostro corpulento pasticcino tutto il supporto, materiale e morale, di cui necessita. E, considerato che mai come stavolta le vere vittime della situazione siete voi, meritate davvero una statua d'oro. La caccia al facocero è aperta!


Nessun commento:

Posta un commento