martedì 3 febbraio 2015

Scusa n. 31 - Questa te la faccio pagare: hai detto in pubblico che la lasagna di tua madre...

E' inutile, totalmente inutile, che veniate a fare le santarelline, sostenendo che voi non siete assolutamente gelose di vostra suocera. Questo tasto è senza ombra di dubbio uno dei più scottanti in un rapporto di coppia, al punto che potete sopportare con nonchalance che il vostro lui, anche in presenza di amici, sostenga che Belén ha un fondoschiena senza pari o che il décolleté della Tatangelo sia da urlo, ma proprio non potete sorvolare sui paragoni tra voi e vostra suocera che l'incauto disgraziato allestisce con allegra spensieratezza in presenza di estranei.
Se poi la dissennata performance ha ad oggetto la vostra abilità culinaria, allora davvero lo sventurato rischia grosso: la vendetta che si scatenerà su di lui è solo lontanamente paragonabile alla famigerata ira di Zeus.
Già mi figuro la scena... In presenza di ospiti di riguardo, lo scellerato si sbilancia con quella che ritiene essere una battuta felice: la lasagna che avete preparato per l'occasione è ottima, però quella di sua madre è decisamente insuperabile. Ha quel non so che in più che forse dipende dall'esperienza o, più probabilmente, dal fatto di averla preparata per il suo adorato 'bambino' con tutto l'amore di cui solo una mamma è capace. Poveraccio! Adesso la vostra furia è a mille, soffocata a mo' di pentola a pressione e pronta alla deflagrazione appena gli ospiti si saranno tolti dai piedi.
Inutile dire che il primo provvedimento della rappresaglia consisterà nello sciopero della geisha a tempo indeterminato!


Nessun commento:

Posta un commento