mercoledì 14 gennaio 2015

Scusa n. 25 - Mi sta spuntando il dente del giudizio: ahi, che male!


Dite la verità, questa scusa è davvero singolare, ma, se ben giocata, risulterà una carta assolutamente vincente.
E', infatti, cosa nota che il mal di denti sia una brutta bestia, un insopportabile aguzzino capace di infliggere intere nottate di dolore 'matto e disperatissimo', contro cui nessun calmante è in grado di competere in maniera drastica.
E allora, se due più due fanno quattro, a voi, care amiche non resta che tirare le somme: calatevi nella parte delle moribonde ed inscenate, come solo voi siete in grado di fare, il più devastante dei mal di denti che sia dato a mente umana di ricordare. La causa? La nascita del vostro primo dente del giudizio, che ha pensato bene di fare capolino quando ormai ci avevate del tutto rinunciato, per ricordarvi che nella vita non è mai troppo tardi per mettere un po' di sale in zucca.
E se lui vi chiedesse di dare un'occhiata all'inopportuno intruso? Beh, mantenete il sangue freddo e, supportate da un flebile lamento di dolore e spossatezza, ribattete che, no, proprio non ce la fate: in questo frangente, anche aprire la bocca è un supplizio!
E mi raccomando, non aspettate oltre per mettete giudizio! I vantaggi sono assicurati, parola di streghetta!



Nessun commento:

Posta un commento