venerdì 2 gennaio 2015

Scusa n. 24 - Devo riprendermi dalle festività natalizie!

Il solo fatto di essere sopravvissuti alle festività natalizie è di per sé un evento che oserei definire epocale. Se poi alla naturale propensione alla sopravvivenza aggiungiamo la nostra condizione di donne, ossia coloro che in questo periodo dell'anno s'ammazzano più di tutti nei preparativi di feste e festini, pranzi e cenoni, tombolate ed annessi e connessi, la inevitabile conseguenza di simili premesse è che al 7 di gennaio ci sentiamo uno straccio. E non sottovaluterei l'altro aspetto avvilente del lungo tour de force natalizio, ossia la nostra lievitazione di almeno un paio di chili.
Ciò detto, non vi è difficile immaginare come un simile quadro si presti inequivocabilmente per un'altra delle nostre portentose scuse anti-maschio: siamo distrutte, demoralizzate e, non da ultimo, sufficientemente infuriate per la perdita della nostra linea (semmai ne abbiamo avuta una!).
La cosa più saggia che lui possa fare in questo frangente è lasciarci perdere: rischierebbe o di trovarci ronfanti sul più bello a causa della stanchezza o, ancora peggio, di doverci fronteggiare in un attacco di rabbia post-mangereccia: e lì sono davvero guai, perché sputiamo veleno!
Occhio, cari uomini!


1 commento:

  1. Ammazza quanto sei furba, Sirvà. Mo tu me voresti ariccontà che tutto an botto se diventata generosa e je regali ar Trottolino tuo no smartefone. Co li sordi sua. E nun negallo che io ciò moje e ste cose le so a memoria. Mo tu te penzi che lui porello -ma quanto me fa pena sto poraccio- sta du semane a smucinasse er telefono nvo co la mela smozzicata e te lassa in pace. Ma l'ai messo ner conto quanno che te l'aritrovi davanti cor musetto smunto che te chiede de spiegaje come funziona er coso che lui nun cià capito na mezza mazza? E tu coma ancuminci la spiegazzione? Confessa. Lo guardi dall'arto ar basso co l'aria de chi dice ma guarda sto deficiente e poi je spieghi tutto e sai bnissimo ch nun cià capito gnente. Ma nun te lo po dì, sennò conferma che è deficiente.
    Mo te dico che io nun ce l'o, mi moie sì. Quanno sona e lei sta a fasse bella -penza lei - io ce provo a risponne ma nun me riesce mai. E lei s'incazza. Alloara la prossima vorta nun risponno. Lei sorte dar bagno -e te pareva, se se monta la tenda- e me chiede pe sapé chi era io je dico che nun lo so, che nun arisponno più. E lei s'incazza. Ciavete l'incazzo facile voi mogli.
    Così tanto pe facce capì che semo 'nferiori.
    Te saluto Sirvà. state buona.

    RispondiElimina