mercoledì 3 settembre 2014

Scusa n. 10 - Danno il mio film preferito in TV!

La televisione, si sa, è uno strumento cui spesso la donna di casa ricorre per tenere impegnati i figli, una sorta di baby-sitter multimediale. Ebbene, sappiate che da oggi la TV può essere usata anche come diversivo per sviare le avances del vostro intraprendente e voglioso compagno. Vediamo come nel dettaglio.
Occorre, innanzitutto, che programmiate in anticipo il ricorso a questo espediente. Vi toccherà, pertanto, controllare ogni giorno i vari palinsesti televisivi finché non avrete individuato il film che fa al caso vostro. Che esso vi piaccia o meno, poco importa; il requisito indispensabile, imprescindibile, inderogabile, irrinunciabile è che esso sia lungo, maledettamente lungo.
Selezionato il film, dovrete passare alla fase n. 2, ossia divulgare con un certo anticipo la notizia: quella sera, crolli il mondo, voi sarete incollate davanti alla TV. Naturalmente, non è oppurtuno escludere il vostro lui dalla visione del film; vi conviene, piuttosto, coinvolgerlo, fermo restando che dovrete giocare d'anticipo, scegliendo un genere che lui detesta. In questo modo, pur avendo dimostrato la vostra sensibilità, avrete raggiunto il duplice scopo di spedirlo a letto e di far sì che a decidere sia stato apparentemente lui.
Se a questo aggiungete una cena consumata a base di cibi che conciliano il sonno, come una bella zuppa di avena e orzo, una porzione di salmone e, se la stagione lo consente, una generosa manciata di ciliegie, ecco che il gioco è fatto: l'ignaro gigolò sarà messo al tappeto senza troppi problemi.
A proposito! Ma come faccio, io che la televisione non ce l'ho???



5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissima signora Planeta,
      di certo il mio commento è viziato da un eccesso di esperienza, ma quanto ho vissuto in quasi sessant'anni di militanza maschile mi fa ritenere che le donne siano più interessate a coinvolgere il partner, più che ai metodi per scrollarselo di dosso. Leggerei dunque più volentieri, o almeno con precedenza sui pur ingegnosi e istruttivi stratagemmi muliebri per andare a letto da sole, qualche suggerimento sulla seduzione. Ma forse non fa più parte delle vocazioni femminili.

      Sinceri omaggi
      Giancarlo Maresca

      P.S. Ho rimosso la precedente stesura per correggere un refuso, tra gli altri eccessi partecipo a quello per la precisione.

      Elimina
    2. Carissimo Giancarlo,
      il Suo intervento mi è particolarmente gradito per un duplice ordine di motivi: innanzitutto La stimo molto e,dunque, serberò preziosamente i Suoi suggerimenti per un prossimo blog; in secondo ordine (last but not least, come direbbero gli anglosassoni), mi compiaccio di imbattermi finalmente in qualcuno che sa il fatto suo in materia di lingua italiana, oggetto, ormai ed ahimè, sconosciuto ai più.
      Ciò detto, spezzerei una lancia a favore del mio blog per tranquilizzare chi, come Lei, mi ha giustamente rimproverata per il mio approccio eccessivamente asettico o, comunque, poco femminile nei confronti dell'universo maschile. In tutte le situazioni descritte, palesemente al limite del surreale, l'uomo fa la figura del fantoccio nelle mani di una donna più che diabolica. Ebbene, come ho più volte evidenziato, l'intento è chiaramente provocatorio e, al tempo stesso, ironico, con il fine ultimo di strappare un sorriso o, ancora meglio, una risata al lettore.
      Del resto, se il più accanito sostenitore ed estimatore dei '101 modi' è mio marito, un motivo ci sarà, e lascio a Lei, che molto bene lo conosce, le considerazioni del caso.
      RingraziandoLa nuovamente per il Suo preziosissimo commento, ricambio con affetto i saluti e La attendo ancora nel mio blog.

      Elimina
    3. Preziosa Silvana,
      sono più che certo che suo marito non sia fatto segno, se non occasionalmente e comprensibilmente, di bizantine misure antimaschio. Lungi dall'essere una critica, il mio intervento voleva segnalare che arrivare sino a 101 modi per non farlo potrebbe risultare sbilanciato nei confronti dei reali sentimenti che il vostro sesso, ma io direi la vostra razza,nutre nei confronti della nostra. Basta affacciarsi a tarda sera in un bar del centro, o passeggiare lungo le principali direttrici, per vedere come le donne si industrino in cerca di un'anima, se non gemella, almeno abbastanza compatibile da generare una scintilla. La realtà, non senza lo stupore di chi è nato e cresciuto in un sistema opposto, è che le donne insoddisfatte o sole siano in aumento e determinate a colmare i vuoti. Ritengo che questo problema, estremamente attuale, si presti alle sue capacità inventive e possa coinvolgere in futuro anche più dei divertenti escamotage di chi un uomo vero e sicuro ce l'ha. Non tutte condividono questa fortuna, sempre ammesso che lo sia.

      il suo ammiratore
      Giancarlo Maresca

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina