martedì 11 marzo 2014

Scusa n. 3 - Ho le mie cose

Inutile dirlo! Anche questa scusa, che rientra nella categoria dell'indisposizione fisica, è super-gettonata. Tra le tante carte che le donne possono giocare a proprio vantaggio, questa è sicuramente vincente, in quanto, essendo appannaggio esclusivamente femminile, spiazza in toto il maschio che, privo di personali termini di paragone, non può far altro che accettare sommessamente tutto ciò che gli viene propinato.
A ciò si aggiunga che spesso il ciclo mestruale (dall'avverbio latino menstrum, che vuol dire una volta al mese) è accompagnato da una serie di disturbi che, di fatto, limitano o, nei casi più gravi, impediscono le normali attività quotidiane, costringendo a letto le donne per ore o anche per giorni.
Di conseguenza, una volta al mese (e per almeno 4-5 giorni consecutivi!) abbiamo la possibilità di attingere ad un ampio ventaglio di sintomi che, veri o simulati che siano, ci permettono di farla franca egregiamente, uscendocene pulite pulite come nulla fosse... 
Insomma, siamo in una botte di ferro, un po' come la formazione a testuggine dell'esercito romano: inattaccabile da qualsiasi lato!
Attenzione, però! La storia insegna che anche la migliore delle tattiche ha il suo punto debole: e se il nostro uomo si improvvisasse l'Annibale Barca di turno e cogliesse di sorpresa l'esercito romano con una carica di elefanti?


Nessun commento:

Posta un commento